Kepos, il giardino

Blog di un epicureo cinefilo

Education sentimentale

with 7 comments

1905: Donna Clara, nel libro di galateo “Dalla cucina al salotto” scriveva:

Il primo dovere d’una donna è di amare suo marito e di farsi amare. Ella deve cercare di comprenderlo. Se tu soffri non fare sfoggio della tua sofferenza, ma cerca anzi di non obbligarlo troppo ad occuparsi di te: accetta con visibile riconoscenza le sue cure, ma non provocarle con delle noiose esigenze. Se invece è lui che soffre, circondalo di mille cure, senza tuttavia affaticarlo. Se tuo marito si allontana da te, vuol dire che ha i suoi buoni motivi. Tu devi cercar di scoprirli e di distruggerli. Una donna, specialmente se bella e graziosa, può sempre farsi amare quando vuole. Essa ha, per ottenere questo scopo nobile, mille mezzi indefinibili e delicati, che ne fanno un essere privilegiato.

Sottolineo un passaggio: “Se tuo marito si allontana da te, vuol dire che ha i suoi buoni motivi.”

Peccato non abbiano più ristampato questo testo. Chissà come mai. :asd:

Annunci

Written by meneceo

13 ottobre 2006 a 16:57

Pubblicato su Daybyday

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Sante parole ma le donne non ci sentono!
    Però la mia c’è vicino.
    Ciao F

    Ignazio B.

    14 ottobre 2006 at 20:24

  2. Par il leggere il Corano…

    Colui che sono

    22 aprile 2007 at 09:40

  3. Quale sura del Corano?

    meneceo

    22 aprile 2007 at 12:15

  4. La Sura delle donne,ovviamente ! Cito passim:
    “Agli uomini è data la preminenza sulle donne…Le donne virtuose sono quelle devote al loro Signore…Se temete la loro infedeltà dapprima ammonitele,non lasciatele sole nei loro letti, ed ,infine,battetele.Ma se esse vi si sottometteranno,allora non cercate altri pretesti per maltrattarle ..Se una donna teme che il marito le sia infedele o non si occupi di lei nel modo dovuto,dovrà fare in modo di giungere ad una riconciliazione….”

    Colui che sono

    22 aprile 2007 at 15:42

  5. Questo era invece l’art. 559 del codice penale italiano: “La moglie adultera è punita con la reclusione fino a un anno. Con la stessa pena è punito il correo dell’adultera. La pena è della reclusione fino a due anni nel caso di relazione adulterina. Il delitto è punibile a querela del marito.”
    E’ rimasto in vigore fino al 1968.
    Ah, ovviamente all’epoca del Codice Rocco il crocefisso era obbligatorio in tutti gli edifici pubblici.

    meneceo

    22 aprile 2007 at 16:19

  6. Decisamente meglio il Corano:
    “Flagellate la fornicatrice e il fornicatore , ciascuno con cento colpi di frusta e non vi impietosite [nell’applicazione] della Religione di Allah” (Sura della Luce)
    Ah,dimenticavo dalla Sura della Vacca:
    “Le vostre spose per voi sono come un campo . Venite pure al vostro campo come volete”

    Colui che sono

    22 aprile 2007 at 16:59

  7. Oh ma cazzate del genere si trovano anche nella Bibbia! “Le mogli siano sottomesse ai mariti, come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, come Cristo è capo della Chiesa, lui che è il salvatore del suo corpo. E come la Chiesa sta sottomessa a Cristo, così anche le mogli siano soggette ai loro mariti in tutto.”
    Per non parlare delle parole spese dai grandi esegeti cattolici durante il medioevo.
    Come al solito, le religioni sono alibi per poter fare e disfare ciò che più conviene.

    meneceo

    22 aprile 2007 at 17:08


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: